BLOG News e approfondimenti per rimanere sempre aggiornato e conoscere le ultime curiosità

Approfondimenti e comunicazioni sulle materie prime ACEF
Condividi su:

Naltrexone HCl

5 aprile 2018 | Monografie di prodotto

"Il naltrexone è un antagonista oppioide puro, comunemente utilizzato nel trattamento farmacologico della dipendenza da oppioidi e dell’alcolismo. "

I recettori oppioidi sono una famiglia di recettori transmembrana accoppiati alla proteina G che vengono fisiologicamente attivati da peptidi oppioidi endogeni come encefaline, endorfine e dinorfine. Con il termine oppioidi si indica in generale un’ampia classe di molecole in grado di legarsi appunto ai recettori oppioidi, i quali si dividono in tre sottoclassi: recettori µ, δ e . Questi svolgono azioni diverse tra loro e sono coinvolti nella regolazione di importanti funzioni sia comportamentali che omeostatiche, come:

  • la percezione del dolore;
  • l’assunzione di cibo;
  • la respirazione;
  • i meccanismi di ricompensa e gratificazione;
  • la motilità gastrointestinale.

 

In particolare, i recettori µ sono coinvolti in processi di:

  • analgesia;
  • euforia;
  • depressione respiratoria;
  • costrizione della pupilla;
  • sviluppo di dipendenza.

 

I recettori k sono collegati a fenomeni di analgesia, disforia e diuresi, mentre i recettori δ sono legati ad analgesia e probabilmente dipendenza.

 

Il naltrexone è un antagonista oppioide puro non selettivo con l’affinità più alta per i recettori µ. Ha una struttura analoga a quella della morfina, ma la sostituzione dell’N con un gruppo ciclopropilmetile gli conferisce il comportamento antagonista. Pertanto, tale molecola si lega al recettore oppioide, ma anziché attivare la cascata di segnali biochimici dovuta all’attivazione del sistema recettoriale, non produce alcun effetto limitandosi a bloccare il sito di legame ed impedendo l’azione di molecole agoniste.

 

Naltrexone
Naltrexone

 

Gli antagonisti dei recettori oppioidi sono comunemente utilizzati per contrastare gravi effetti secondari (deficienza respiratoria, overdose) indotti dagli agonisti oppioidi. In particolare sono impiegati nel trattamento farmacologico della dipendenza da oppioidi e dell’alcolismo. Ciò nonostante, sono molto studiate anche altre applicazioni terapeutiche degli antagonisti dei recettori µ, che includono:

  • obesità;
  • psicosi;
  • malattie neurodegenerative;
  • malattie con depressione del sistema

 

Dipendenza da droghe e alcool

Il naltrexone viene principalmente impiegato per combattere le dipendenze da droga e alcool.

L’effetto antagonista sui recettori oppioidi aiuta a prevenire le ricadute in pazienti con dipendenza da droghe, in quanto abolisce gli effetti psicotropi e di rinforzo dovuti all’assunzione degli oppioidi. Per questo si tratta del farmaco di scelta per il trattamento dell’eroinopatia. Il naltrexone infatti occupa il sito recettoriale evitando l’interazione agonista-recettore e spiazzando dal recettore l’agonista stesso. Il suo utilizzo è diverso rispetto all’analogo naloxone, antagonista oppioide con struttura molto simile, utilizzato nel trattamento d’urgenza in caso di overdose. Il naltrexone infatti ha un’azione più lenta e risulta più indicato nella terapia di mantenimento dello stato drug-free in soggetti tossicodipendenti già preventivamente disintossicati dagli oppiacei, perché in caso contrario si potrebbero scatenare sindromi di astinenza.

Per quanto riguarda l’abuso di alcool, l’etanolo agisce su numerosi sistemi neurochimici nel cervello, interferendo con l’azione di importanti neurotrasmettitori come:

  • l’acido γ- amminobutirrico (GABA);
  • il glutammato;
  • la dopamina;
  • gli oppioidi endogeni1.

 

Questi ultimi sono coinvolti negli effetti di rinforzo e ricompensa legati all’assunzione di alcool e sono responsabili di possibili ricadute dopo prolungati periodi di astinenza in persone dipendenti. È stato dimostrato infatti che l’etanolo aumenta in modo significativo il rilascio di oppioidi endogeni, in particolare β-endorfine, che determinano effetti piacevoli e di euforia in seguito all’assunzione di bevande alcoliche. Il naltrexone, prevenendo l’effetto delle endorfine e bloccando così le “risposte positive” del bere, è efficace nel ridurre il consumo di alcool e il rischio di ricadute in pazienti dipendenti, aiutando a mantenere uno stato di astinenza2.

 

L’uso del naltrexone per via orale è autorizzato in numerosi paesi e prevede una dose giornaliera di 50 mg. Esistono in commercio diverse specialità medicinali per uso orale (Antaxone, Nalorex, Narcoral). Quando il naltrexone viene assunto per via orale, viene rapidamente metabolizzato in 6-β-naltrexolo, un metabolita molto attivo che però aumenta l’incidenza di effetti collaterali. Ciò spesso pregiudica l’aderenza dei pazienti al trattamento. Per questo motivo sono state sviluppate anche formulazioni iniettabili ed impianti a rilascio prolungato (es. Vivitrol), i quali evitano il first-pass epatico del farmaco riducendo la percentuale di abbandono della terapia a causa degli effetti collaterali3.

 

Naltrexone e obesità

L’obesità è una patologia cronica che ha raggiunto proporzioni epidemiche nei paesi sviluppati. Poiché l’obesità è associata a numerose complicazioni che sono vere e proprie patologie (diabete, malattie cardiovascolari, ipertensione, depressione, ictus, cancro), essa si configura come un serio problema di salute pubblica. Per questo motivo molte industrie farmaceutiche sono impegnate da tempo nello sviluppo di nuovi farmaci in grado di intervenire sui meccanismi che regolano il bilanciamento energetico. Sovrappeso e obesità, infatti, sono causate da uno sbilanciamento nel metabolismo energetico, il quale dipende essenzialmente dall’equilibrio tra due fattori:

  • l’intake energetico attraverso l’assunzione di cibo;
  • il consumo energetico dovuto al metabolismo basale, all’attività fisica e alla

 

Nonostante gli importanti passi avanti fatti per capire il meccanismo centrale che regola il bilanciamento energetico, ad oggi esistono solo due farmaci approvati per il trattamento a lungo termine dell’obesità (sibutramina e orlistat), il cui uso è però limitato dalla loro modesta efficacia e dagli effetti collaterali importanti.

Da tempo è noto che il sistema oppioide gioca un ruolo nella regolazione dell’appetito a livello del sistema nervoso centrale, modulando gli aspetti della palatabilità del cibo e della gratificazione attraverso il rilascio di β-endorfine nell’ipotalamo4.

Le prime evidenze che gli antagonisti dei recettori oppioidi fossero in grado di ridurre l’assunzione di cibo a breve termine nei ratti risalgono ai primi anni ’80. In seguito, studi preclinici eseguiti su modelli animali hanno confermato la capacità del naltrexone di ridurre la quantità di cibo assunto e il guadagno di peso sia in animali magri che in quelli obesi5.

I successivi studi clinici condotti sull’uomo non hanno tuttavia confermato questa azione dell’antagonista oppioide, il quale pur avendo un blando effetto nella riduzione di peso in soggetti normali, risulta quasi inefficace negli obesi5,6.

Ciò nonostante, bisogna considerare che i meccanismi fisiologici che regolano l’intake calorico e il peso corporeo sono molto complessi ed altamente integrati. Per questo la ricerca si è concentrata sull’uso di una combinazione di farmaci in grado di agire contemporaneamente su meccanismi diversi, in modo da aumentare l’efficacia e ridurre gli effetti collaterali.

 

Il nucleo arcuato dell’ipotalamo nel cervello svolge un ruolo importante nella regolazione del bilanciamento energetico e del peso corporeo7. Qui è presente un gruppo di neuroni, denominati POMC (pro-opiomelanocortina), che una volta attivati secernono l’ormone a– MSH (a-Melanocyte-Stimulating Hormone), il quale riduce l’assunzione di cibo ed aumenta il dispendio energetico esplicando di fatto un’azione anoressizzante. Questa azione viene regolata attraverso un sistema autoinibitorio di feedback. I neuroni POMC infatti rilasciano anche β-endorfine, le quali agiscono su recettori oppioidi posti sui neuroni stessi bloccandone l’azione. I neuroni POMC vengono attivati dalla dopamina.

Il bupropione è un farmaco antidepressivo che agisce sul sistema nervoso centrale come inibitore del reuptake della dopamina. Grazie a questa capacità, il bupropione è in grado di mantenere più a lungo lo stimolo che attiva i neuroni POMC e gli studi clinici condotti sull’uomo ne hanno dimostrato l’efficacia nel determinare una riduzione dell’assunzione di cibo e una modesta riduzione di peso, che tuttavia tende a raggiungere un plateau dopo 24 settimane di trattamento6.

Al fine di sostenere l’azione del bupropione è stata quindi pensata un’associazione tra questo farmaco e il naltrexone, il quale, andando ad antagonizzare l’azione delle β- endorfine del sistema autoinibitorio dei POMC, blocca il meccanismo di feedback dei neuroni amplificando gli effetti del bupropione.

 

L’associazione bupropione-naltrexone è attualmente nella fase III della sperimentazione clinica, che ha lo scopo di valutarne l’efficacia e la sicurezza a lungo termine su un campione ampio di popolazione.

Gli studi finora condotti sono comunque molto promettenti. La combinazione dei due farmaci, infatti, è risultata efficace nel determinare una significativa perdita di peso nei pazienti sottoposti al trattamento, sia in confronto ad un placebo che rispetto alle monoterapie con solo bupropione o solo naltrexone8,9.

 

Naltrexone
Fig. 1. Perdita di peso con bupropione, naltrexone e associazione bupropione-naltrexone. P+P placebo; NAL+P solo naltrexone; BUP+P solo bupropione; BUP+NAL associazione bupropione-naltrexone.

 

 

Come si può osservare nella fig. 1, il trattamento con la combinazione dei due farmaci aumenta in modo significativo la riduzione di peso e si può inoltre osservare che tale calo non raggiunge un plateau dopo 24 settimane di trattamento. Ciò fa presumere che la terapia possa essere efficace anche per tempi più lunghi e che possa dare risultanti più consistenti. Le dosi ad oggi testate sono un associazione composta da Bupropione in forma di rilascio prolungato a 400 mg al giorno e, rispettivamente, 16 e 32 mg al giorno di naltrexone a rilascio immediato.9 I due dosaggi sono risultati ad efficacia paragonabile. Occorre sottolineare comunque la natura preliminare del risultato non tanto per quanto attiene alla efficacia, ma alla sicurezza a lungo termine. Tali dati saranno disponibili solamente al termine della Fase III dello studio tuttora in corso.9 Una associazione a 48 mg di naltrexone è stata abbandonata per uno scarso rapporto tra efficacia e sicurezza di uso.

 

In conclusione, benché il naltrexone sia associato ad una minima perdita di peso quando usato da solo, questo antagonista oppioide assume una interessante potenziale attività nel trattamento dell’obesità quando viene combinato con un attivatore dei neuroni POMC come il bupropione.

 

 

LOW-DOSE NALTREXONE (LDN)

Oltre agli usi autorizzati per il trattamento delle dipendenze da droga e alcool, è andato diffondendosi negli anni un crescente interesse nei confronti di un utilizzo “off-label” del naltrexone in terapie sperimentali contro numerose patologie.

Queste terapie si basano sull’utilizzo di basse dosi di naltrexone (3-4,5 mg/day), somministrate prima di dormire e per lunghi periodi. Questo particolare regime farmacologico sarebbe in grado di potenziare il sistema immunitario e stimolare il benessere psicologico10.

È stato osservato che, quando somministrato a basse dosi di 3-4,5 mg/day, il naltrexone è in grado di incrementare l’espressione dei recettori oppioidi e la concentrazione delle β– endorfine e metencefaline circolanti a livello centrale11. Mentre la dose piena di naltrexone (50 mg/day) produce un blocco costante dei recettori oppioidi, si ipotizza che la dose ridotta determini un blocco di poche ore, dopo il quale si assiste ad un fenomeno di rebound, cioè un potenziamento del sistema oppioide con un aumento della densità dei recettori µ e k e della disponibilità di β-endorfine e metencefaline12,13. Tale “super- sensibilizzazione” dei sistemi oppiodi porterebbe numerosi benefici all’organismo, in particolare potenzierebbe il sistema immunitario. È stato infatti osservato che i livelli di oppioidi endogeni in pazienti affetti da malattie reumatiche (artrite, lupus, gotta) sono drasticamente bassi, così come risultano ridotti tra il 10 e il 20% del normale le concentrazioni di β-encefalina in diverse patologie autoimmuni, tra cui fibromialgia e morbo di Crohn, e nella sclerosi multipla11.

Benchè finora si tratti solo di ipotesi e si attendano ancora studi che provino la reale efficacia del LDN, esistono comunque evidenze che fanno presumere che si tratti di un interessante approccio per la prevenzione e il trattamento di varie patologie in cui vi è una compromissione del sistema immunitario, come le malattie autoimmuni, alcuni tipi di cancro, l’AIDS e la sclerosi multipla.

Poiché è logico ritenere che l’amplificazione dei sistemi oppioidi promuova stati emozionali positivi a livello centrale, il LDN ha potenziali applicazioni anche nel trattamento di disturbi di natura psichiatrica, come depressione, autismo, autolesionismo.

Inoltre, sono in corso studi per valutare il trattamento con LDN in casi di malattia di Alzheimer, Parkinson e SLA.

 

Di seguito si riportano alcune evidenze relative all’utilizzo del LDN in diverse patologie.

 

Cancro

Studi sul neuroblastoma condotti su animali hanno mostrato che il blocco intermittente dei sistemi oppioidi con naltrexone è in grado di ridurre l’incidenza del tumore, di ritardarne lo sviluppo e di allungare la sopravvivenza rispetto al controllo14. Questa azione potrebbe essere dovuta al fatto che β-endorfine e metencefaline sono in grado di potenziare l’azione delle cellule NK (Natural Killer) attraverso l’attivazione dei recettori µ posti sulle cellule stesse15. Si è osservato, inoltre, che le metencefaline stimolano l’espressione dei recettori dell’interleuchina-2 e i livelli sanguigni di questa, con conseguenti aumenti dei livelli di globuli bianchi, cellule NK, g-interferone, cellule T attive e altri elementi del sistema immunitario, che potrebbero contribuire nel ridurre la crescita tumorale e promuoverne la regressione16.

 

AIDS

Interessanti risultati sono stati riportati nel trattamento dell’AIDS con LDN, il quale pare sia in grado di ritardare ed arrestare la malattia10.

 

Morbo di Crohn

I sistemi oppioidi svolgono un ruolo importante nella regolazione dei fluidi gastrointestinali, nella percezione del dolore e nei meccanismi infiammatori. Un recente studio pilota ha mostrato che il LDN è in grado di determinare una significativa riduzione dei sintomi ed un miglioramento della qualità di vita in pazienti affetti da malattia di Crohn17

 

Sclerosi Multipla

Uno studio pilota condotto per 6 mesi su 40 pazienti affetti da sclerosi multipla ha mostrato una progressione della malattia in un solo paziente, mentre negli altri è stata riscontrata una significativa riduzione della spasticità e contemporaneamente un aumento dei livelli di β-endorfine18.

 

 

Effetti collaterali e tossicità

Il naltrexone è considerato un farmaco sicuro, non dà dipendenza ed è generalmente ben tollerato. A dosaggi terapeutici (50 mg/day) può determinare effetti secondari modesti e di breve durata che includono nausea, vomito, dolori addominali, affaticamento, vertigini e mal di testa. A dosi molto elevate (300 mg/day) il farmaco può essere epatotossico. Si preferisce quindi sconsigliarlo in caso di insufficienza epatica.

 

 

Questa scheda informativa è stata redatta con la collaborazione scientifica di Ambrosialab srl, Università di Ferrara. E’ vietata la riproduzione totale o parziale del testo e delle immagini.

Le informazioni contenute nella seguente nota informativa sono allo stato attuale delle nostre conoscenze accurate e corrette, e derivate dalla letteratura scientifica più accreditata. Tuttavia, sono divulgate senza alcuna garanzia riguardo a possibili errori contenuti nella letteratura di provenienza. In particolare non si assumono responsabilità per ciò che attiene alla loro applicazione, per eventuali applicazioni e/o usi impropri.

 

 

Riferimenti bibliografici

1 Koob GF et al.; Neurocircuitry targets in ethanol reward and dependence; Alcohol Clin Exp Res; 1998; 22(1):3-9

2 Soyka M, Rösner S; Opioid antagonists for pharmacological treatment of alcohol

dependence – a critical review; Curr Drug Abuse Rev; 2008; 1(3):280-91

3 Lobmaier P et al.; Sustained-release naltrexone for opioid dependence; Cochrane Database Syst Rev; 2008; (2):CD006140

4 Zhang M, Gosnell BA, Kelley AE; Intake of high-fat food is selectively enhanced by mu

opioid receptor stimulation within the nucleus accumbens; J Pharmacol Exp Ther; 1998; 285(2):908-14

5 Plodkowski RA et al.; Bupropion and naltrexone: a review of their use individually and in combination for the treatment of obesity; Expert Opin Pharmacother; 2009; 10(6):1069-81

6 Lee MW, Fujioka K; Naltrexone for the treatment of obesity: review and update; Expert Opin Pharmacother; 2009; 10(11):1841-5

7 Cone RD; Anatomy and regulation of the central melanocortin system; Nat Neurosci;

2005; 8(5):571-8

8 Greenway FL et al.; Rational design of a combination medication for the treatment of obesity; Obesity; 2009; 17(1):30-9

9 Greenway FL et al.; Comparison of combined bupropion and naltrexone therapy for obesity with monotherapy and placebo; J Clin Endocrinol Metab; 2009; 94(12):4898-906

10 http://www.lowdosenaltrexone.org

11 Brown N, Panksepp J; Low-dose naltrexone for disease prevention and quality of life;

Med Hypotheses; 2009; 72(3):333-7

12 Zagon IS, McLaughlin PJ; Opioid antagonist modulation of murine neuroblastoma: a

profile of cell proliferation and opioid peptides and receptors; Brain Res; 1989; 480(1- 2):16-28

13 McLaughlin PJ, Zagon IS; Modulation of human neuroblastoma transplanted into nude mice by endogenous opioid systems; Life Sci; 1987; 41(12):1465-72

14 Zagon IS, McLaughlin PJ; Naltrexone modulates tumor response in mice with neuroblastoma; Science; 1983; 221(4611):671-3

15 Hsueh CM et al.; Activation of mu-opioid receptors are required for the conditioned

enhancement of NK cell activity; Brain Res; 1996; 737(1-2):263-8

16 Plotnikoff NP et al.; Enkephalins and T-cell enhancement in normal volunteers and cancer patients; Ann N Y Acad Sci; 1987; 496:608-19

17 Smith JP et al.; Low-dose naltrexone therapy improves active Crohn’s disease; Am J

Gastroenterol; 2007; 102(4):820-8

18 Gironi M et al.; A pilot trial of low-dose naltrexone in primary progressive multiple sclerosis; Mult Scler; 2008; 14(8):1076-83

Solo le migliori materie prime

Grazie all'attività svolta durante i suoi 75 anni di storia, oggi ACEF è riconosciuta sul mercato come azienda leader nella distribuzione di materie prime ad uso farmaceutico, cosmetico, galenico e per il settore degli integratori alimentari.

Scopri i Prodotti

Un'offerta varia, unica e completa

ACEF, nel corso del tempo, ha maturato un'esperienza che le permette oggi di fornire referenze con un listino di oltre 7.000 articoli, disponibili in tagli personalizzabili, per i settori farmaceutico, cosmetico, galenico e nutraceutico.

+ di 7.000articoli a listino
+ di 390fornitori attivi

Un iter di produzione sicuro e garantito

In ACEF le aree di ripartizione presentano condizioni ambientali costantemente monitorate e registrate in conformità ai più elevati standard di qualità. L’affidabilità e la sicurezza dei prodotti è inoltre garantita dalle certificazioni di cui l’azienda è in possesso.

+ di 100dipendenti
+ di 10.000analisi di qualità

Un team altamente qualificato

Grazie all'esperienza matura nel settore la forza vendita e i tecnici di ACEF sono in grado di supportare i clienti attraverso servizi di consulenza specifici, fornendo un servizio personalizzato che tiene in considerazione ogni singola esigenza.

+ di 10.000verifiche documentali
+ di 3.000clienti attivi
Natura-Tec-Marine-Revitalys-HP

12 ottobre 2018 | Monografie di prodotto

Natura-Tec Marine Revitalys HP: le micro-alghe anti-invecchiamento

NATURA-TEC MARINE REVITALYS HP sfrutta il potere rigenerante delle micro-alghe, principi attivi in grado di stimolare il rinnovamento cellulare poiché inibiscono l'espressione del gene P53.

Leggi tutto
Aggiornamento documentazione: brevetto Trilostano ad uso veterinario

8 ottobre 2018 | News

Aggiornamento documentazione

Si comunica che nell'area PRODOTTI è disponibile l'elenco delle nuove referenze aggiornato al 03/10/18.

Leggi tutto

4 ottobre 2018 | News

Aggiornamento documentazione: nuova scheda prodotto SatiPlus secondo l’ultimo regolamento della Commissione UE

È stata aggiornato la monografia del prodotto SatiPlus (010654) secondo l'ultimo regolamento della Commissione UE del 13 agosto 2018 che autorizza l’utilizzo delle parti aeree essiccate di Hoodia parviflora come Nuovo Alimento.

Leggi tutto

A.C.E.F. Spa. Azienda Chimica e Farmaceutica | Via Umbria 8/14. - 29017 Fiorenzuola D'Arda (PC) - Tel. +39 0523 241911 r.a. - Fax +39 0523 241929 – 241968 - Mail: acef@acef.it - P. IVA 00098610330

Privacy Policy | Cookies Policy | Credits: Digital for Business

Gentile Cliente,
ti informiamo che, in seguito all'aggiornamento del sito web è necessario impostare una nuova password per accedere all'area riservata.

Per eseguire il primo accesso potrai utilizzare la tua username (codice cliente) con la password temporanea "acef".

Una volta eseguito l'accesso ti invitiamo a modificare la password temporanea e sceglierne una personale all'indirizzo www.acef.it/password-dimenticata/

Per accedere all'e-commerce puoi utilizzare le credenziali già in tuo possesso senza alcuna variazione.

Grazie e buona navigazione!