ACEF | Materie prime farmaceutiche, cosmetiche, galeniche, nutraceutiche

Area Riservata

Nuovo Utente


Non hai ancora le credenziali per entrare nell’Area Riservata? Registrati per accedere a:

  • Schede tecniche e schede di sicurezza;
  • Documentazione tecnica (solo per i clienti);
  • Monografie e presentazioni;
  • Certificati di analisi (solo per i clienti);
  • Listino e novità formulative (solo per le Farmacie clienti).

Registrati

Accesso

Inserisci le tue credenziali per accedere all’Area Riservata.

Newsletter

18 gennaio 2018
Citisina per smettere di fumare: la ricerca promossa dal Dipartimento per la Salute Pubblica statunitense
  • Data: 18/01/2018
  • Categoria: News ACEF Galenica

Condividi su:

Condividi su:

Condividi su:

"Il National Center for Complementary and Integrative Health (NCCIH) ha promosso una ricerca sull'uso terapeutico della Citisina come farmaco naturale per smettere di fumare."

Il National Center for Complementary and Integrative Health (NCCIH), sezione dell’Istituto Nazionale per la Salute del governo statunitense (NIH), ha promosso una ricerca sull’uso terapeutico della Citisina come farmaco naturale per smettere di fumare. La ricerca ha come obiettivo quello di produrre la documentazione scientifica necessaria in vista del processo di approvazione della Food and Drug Administration (FDA). Lo studio è finanziato attraverso una partnership tra enti pubblici e privati che coinvolge alcuni istituti e centri dell’NIH, partner industriali e consulenti del settore.

La Citisina, per poter entrare nel mercato statunitense come sostanza idonea al “Smoking Cessation Treatment”, necessita dell’approvazione della FDA sulla base di studi clinici. Il progetto della NCCIH ha come obiettivo quello di fornire alla FDA l’indagine scientifica indispensabile per far rientrare la Citisina nell’elenco delle sostanze ammesse per le terapie antifumo.

 

Altre ricerche condotte sulla Citisina

La Citisina è un agonista parziale del recettore nicotinico sostanza isolata oltre 50 anni fa dalla pianta Cytisus laburnum. In alcuni paesi dell’Europa dell’Est, la Citisina è stata impiegata per diversi decenni come sostanza utile nelle terapie antifumo. Nel corso di questi anni sono stati condotti studi scientifici e trial clinici come quelli pubblicati sul New England Journal of Medicine nel 2011 e nel 2014:

  • nel primo studio dal titolo “Placebo-controlled trial of cytisine for smoking cessation”, condotto in Polonia, la Citisina si è mostrata più efficace del placebo;
  • nel secondo studio dal titolo “Cytisine versus nicotine for smoking cessation”, condotto in Nuova Zelanda, la Citisina si è mostrata di efficacia superiore ad una terapia sostitutiva della nicotina.

Nonostante le evidenze riportate, gli studi scientifici condotti sinora sulla Citisina non sono stati considerati definitivi o sufficienti dalle autorità americane per approvare il suo impiego nelle terapie per smettere di fumare.

 

Il ruolo della NCCIH

I trattamenti, le attività di consulenza e i farmaci per smettere di fumare non sempre hanno successo nei pazienti che intraprendono una terapia antifumo. Al contempo, le morti e le malattie legate al fumo di tabacco comportano gravi problemi di salute pubblica in tutto il mondo. Ecco perché mettere a disposizione un ulteriore possibilità di trattamento può essere d’aiuto a coloro che non hanno risposto adeguatamente ai farmaci o ai trattamenti già presenti sul mercato per combattere la dipendenza dalla nicotina e dal fumo del tabacco.

TOP